NotOfThisEarth | DIARIO E SENSAZIONI DI VITA | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

...il resto è silenzio...
SOCIETA'
14 luglio 2008
La mia vita, il lavoro, i miei libri
Oggi ho voglia di parlare di un pò di cose. A volte capita.
Vi parlerò della mia vita (forse un pò), del mio lavoro, del libro che sto leggendo.
Se la cosa non vi interessa potete anche tornare da dove siete venuti (il vostro blog suppongo).
Non lo dico per essere stronza, solo perchè se credete che il vostro sia più interessante non vedo cosa ci dobbiate fare qui no? Bene, dopo le istruzioni per l'uso diamo inizio al post.


VITA: uhmm...niente di particolarmente rilevante oggi. Apparte mia sorella che mi lascia la macchina in rosso FOSFORESCENTE (dopo avergliela consegnata con 20€ di benzina...mah) e con le luci accese per tutto il week-end (devo avere santi in paradiso visto che stamani è miracolosamente partita!). Dimenticavo:ero in ritardissimo a lavoro e non avevo soldi e tempo per fare benzina. HO RISCHIATO DI NON TORNARE A CASA!

Poi ho anche litigato con 198 perchè gli ho raccontato l'episodio. Perchè direte voi...PERCHE' MISTER ZEN DICE CHE NON SONO COSE PER CUI ARRABBIARSI.

Stasera glielo dimostro ben bene se è il caso o no...


LAVORO:
Oggi ho ricevuto i complimenti da una cliente per i testi che le ho fatto per il sito. Mi ha talmente elogiata al tel che mi ha fatta arrossire. Ha detto che se sente il mio capo glielo vuole dire...e io:"ehmm anche no!"  LOL
Mi ha fatto chiaramente molto piacere ma devo dire che se le ho fatto un bel testo è merito suo: al tel mi ha ispirato simpatia.
E' una vechietta (sui 60 penso o poco più) simpatica ed energica così nel testo (il sito era un negozio di antiquariato) ho riportato questa sua voglia di vivere ed è venuto bene.
Ora mi impegnerò anche per posizionargli il sito hi hi
Aho che ci vuoi fare? Quando una persona è gentile e simpatica mi viene più facile lavorare per lei.

Altro punto in merito al lavoro che sto facendo da ormai 9 mesi presso questa agenzia di Web Marketing è che nonostante io sia convinta (e anche i miei colleghi) che questa azienda è stata messa su solo per fare un pò di soldi veloci da parte del presindente (passati un paio di anni e incassati un paio di milioni di euro sicuramente scoparirà misteriosamente), devo ammettere che sto imparando un pò di cose e ho decisamente migliorato il mio modo di scrivere.

Ho imparanto molte cose sul posizionamento dei siti (prima non avevo la minima idea di come facessero i siti ad essere nelle prime pagine di google) e sul mestiere di copywriter.


Ho migliorato il mio modo di scrivere mail formali. Le ho sempre scritte abbastanza bene, ma ora penso davvero di essere in grado di scrivere una mail degna della più abile segretaria.

Ok poca roba direte imparare a scivere mail. Beh nella vita tutto fa brodo no?

E cmq sono contenta perchè questo lavoro mi sta aiutando a prendere coscienza di quello che voglio. Gli utlimi anni di università mi hanno fatto capire cosa volevo a livello teorico, il lavoro me lo sta facendo capire a livello pratico.

La parola d'ordine resta sempre MARKETING: l'amore della mia vita...lavorativa s'intende.



LIBRI CHE STO LEGGENDO:
Ecco qui ci sarebbero da dire un sacco di cose su uno e quasi nulla sull'altro.
Ho iniziato a leggere un libro che raccoglie le lettere e le frasi di uno dei GENI del nostro tempo che ammiro insieme a Leonardo da Vinci, Galileo, Shakespeare, Wilde, Madre Theresa e la Montalcini più di ogni altro: Einstein.



La SEMPLICE GENIALITA' di questo omino mi ha sempre lasciata a bocca aperta. Non ne nascerà un altro uguale (così come lo penso per quelli già citati sopra e aggiungo i veri grandi della musica come Freddie Mercury ed Elvis).

Comunque questo è il libro sul quale ci sarebbe da dire poco o nulla perchè il personaggio parla da sè.

Quello per cui ci sarebbe da spendere un papiro è l'altro che sto leggendo in contemporanea.

Il Mestiere di Scrivere di Luisa Carrada



E ci ha pure fatto il sito!

Ok mi spiego.
Il libro mi è stato consigliato dal mio responsabile a lavoro (ora ex ma questa è un'altra storia) per migliorare e capire il mestiere di copywriter.
Ebbene appena ho cominciato a leggerlo ho capito cosa mi impediva di iniziarlo.

Ok chiedo scusa a Luisa Carrada che sicuramente ne sa più di me su come si scrive, soprattutto in rete (su siti, blog, portali ecc. perchè è di questo che parla il libro), ma come dice lei stessa nel libro, quando si scrive, soprattutto in un blog, non si deve avere paura di esprimere le proprie opinioni...quindi la prendo in parola e scrivo la mia sul suo libro.

Sicuramente qualche consiglio può anche essere utile...ma trovo il resto alquanto banale.
Non per fare la superiore, ma non penso che il mio giudizio derivi dal fatto che non sono una porfessionista del settore. Penso che il mio giudizio derivi invece proprio da dal fatto di essere una persona normale che legge un libro dal quale si aspetta qualcosa. FORSE MI ASPETTAVO TROPO DA QUESTO LIBRO.

Mi spiego meglio. Questo è un libro scritto per chi vuole migliorare il suo modo di fare web marketing e cioè scrivere meglio per farsi pubblicità sul web. Ebbene ci dovrebbero essere cose che uno che già usa il web non sa, non immagina, non percepisce, non cose abbastanza deducibili e scontate e per di più indirettamente già applicate inconsciamente da chi scrive sul web no?

Poi altra critica sul libro: il fatto di usare il suo modo di scrivere sul web anche nel libro lo ha reso povero a mio parere e ha tolto la bellezza al libro stesso.

Io resto dell'idea che se scrivi in un libro non puoi usare le tecniche che usa normalmente nella vita di tutti i giorni il web in tutte le sue forme.


I LIBRI SONO E RESTERANNO UN MONDO APPARTE CHE DEVE ESSERE SCRITTO IN UN CERTO MODO
...il lettore non ha bisogno di grassetti, mega spazi, tabelle ecc. in un libro.

Se fosse un manuale potrei capirlo, e forse lei vorrebbe farlo spacciare per un manuale di scrittura, ma anche in quello ha sbagliato...sempre secondo il mio modesto parere.
Se voleva farne un manuale non doveva farlo diventare anche un pò libro.

Insomma per concludere, questo libro non mi sembra ne carne ne pesce, come si suol dire.


Non penso che questa mia critica influirà minimamente sulla sua persona (se anche dovesse leggerlo) ma è semplicemente quello che penso. E mi andava di dirlo.


Dopo avervi annoiato con questi discorsi che interessavano solo me (hihi) ora vi lascio ai vostri pensieri e ai vostri blog.

Vi lascio anche oggi con una frase. Visto che ne ho parlato citerò una delle risposte che Einstein diede ad una bambina che gli fece una domanda sulla fine del mondo in quanto scienziato e lui rispose in modo molto semplice come solo lui sapeva fare:





"La terra esiste da più di un miliardo di anni. Per quel che riguarda la sua fine ti do un consiglio: aspetta e vedrai." - Albert Einstein


DIARI
26 giugno 2008
Stavo per...



Stavo per iniziare a scrivere un post.
Ho iniziato. Ma poi ho smesso.
Sono stata distratta da tante cose (non pensate male, l'immagine sopra l'ho inserita solo perchè mi piaceva molto e stava sotto la voce "distrazione" - effettivamente distrae no?).


Avevo scritto qualche riga, anche ben fatta, ma poi la pagina si è stancata di attendere che io continuassi e il post si è auto annullato.

Ho idea che delle volte siano i post stessi a decidedere se devono essere pubblicati o meno.

Ok allora sarà per la prossima volta.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. distrazione

permalink | inviato da LadyAndrè il 26/6/2008 alle 23:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sentimenti
19 febbraio 2008
Il mondo a colori
In questo mondo ci sono i colori.
Dei colori fanno parte anche il bianco è il nero.

Alcuni preferiscono il bianco.
Il nero è assenza di luce, oscurità, paura...

Il bianco è presenza di luce,  chiarezza,  felicità...

Se non ci fosse l'assenza di luce, la luce non avrebbe senso...non si noterebbe...non esisterebbe...

Quando ero piccola e vedevo un arcobaleno pensavo fosse qualcosa di quasi magico, bellissimo, la terra e il cielo mostravano i loro colori.

Non pensavo che quei colori li vedevo solo in quel momeno perchè c'era una manifestazione evidente, ma che in realtà erano tutti i giorni in ogni momento, in ogni cosa presenti nella mia vita.

I prati nei quali giocavo, pieni di fiori in primavera avevano colori molto più belli di quelli dell'arcobaleno.

Il volto di mio padre quando si arrabbiava era molto più nero dell'oscurità.

Il sorriso di mia mamma  quando era felice faceva molta più luce di qualunque bianco del mondo.

Ogni giorno vivevo immersa nei colori e non me ne rendevo conto.

Non sono mai stati importanti per me perchè per me tutti erano belli.

Il nero, il bianco, il giallo...non era importante che tonalità avessero le cose, l'importante era che ci fossero e valesse la pena viverle.

Oggi qualcuno mi pone di fronte al problema che sia meglio la luce dell'oscurità.
Delle volte la luce può essere molro fastidiosa.

Tutto questo per dire che non è importante il colore, basta che ci sia un colore!
Basta un cuore che batte!




Vi lascio con un verso trovato su un blog (QUI)che condivido alla grande e racchiude ciò che penso anche io:


In un mondo di colori il razzista vede in bianco e nero, disprezzando il nero.
Si perde così l'arcobaleno della vita.
- Ombra -


                                      



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. i colori il razzismo

permalink | inviato da LadyAndrè il 19/2/2008 alle 21:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE